Il territorio di Courmayeur - estate

Book

Cosa fare in estate

Le passeggiate di Courmayeur suggerite

L'hotel Croux è un albergo 3 stelle gestito direttamente dalla famiglia proprietaria dell'immobile ormai dal lontano 1966. Nel frattempo tutto è stata rinnovato per andare incontro alle esigenze dalla clientela a cui vanno tutta l'attenzione e le cure della Direzione e dei Dipendenti. Situato in posizione centrale e panoramica a pochi passi da Via Roma, zona pedonale e dello shopping nel vecchio borgo di Courmayeur.

La Suche (1.816m) dal centro di Courmayeur

seguire le indicazioni per il Villair, quindi Plan Gorret e Ermitage, dove ha termine la strada comunale. Utilizzate il comodo parcheggio nel bosco a monte del ristorante Ermitage. 


Durata: 50 minuti

A piedi dal centro di Courmayeur

Dalla centralissima via Roma proseguire in Via Marconi, salendo fino alla frazione Pussey. Qui inizia il sentiero pedonale che vi porterà fino all'incrocio con quello proveniente dall'Ermitage.


Durata: 1h 30

Anello Ermitage (1.447m) - La Suche (1.816m) - Tirecorne (1.955m) - Ermitage

Da La Suche si continua su sentiero comodo e in leggera salita fino all'Alpeggio Tirecorne raggiungibile in 20 minuti. Oltrepassate le baite, trovate una fontana e poco oltre il sentiero che scende verso l'Ermitage (segnavia 39). Da notare il panorama verso La Thuile e gli imponenti larici a monte del villaggio.


Durata: 2h00

Anello Ermitage (1.447m) - La Suche (1.816m) - Freydevaz - Val Sapin - Ermitage

A La Suche, alle spalle del rifugio, inoltrarsi nel bosco sul sentiero segnavia 43a direzione Col Sapin. Dopo 50 min.-1ora di saliscendi arrivate a un bivio, prendete a sinistra in discesa il sentiero 43 che con ampi tornanti vi porterà in Val Sapin passando dalla  solitaria baita di Freydevaz. In Val Sapin, dal villaggio Chapy, scendete lungo la strada bianca chiusa al pubblico fino alla località La Trappa e sempre scendendo dopo 2 km oltrepassate il ponte. 200 mt. a valle del ponte trovate a sinistra il sentiero che risale verso l'Ermitage.


Durata: 3h30

Lago Liconi (2.554m)

Dall'Ermitage, raggiungete La Suche. Da La Suche esistono due sentieri, 43a e 44. Noi consigliamo il secondo perché meno ripido e adatto a tutti gli escursionisti. Salite con direzione Tirecorne per pochi minuti. Al bivio segnalato dalle paline gialle prendete a sinistra, continuate la salita ancora una ventina di minuti, oltre il bosco, fino a trovare il successivo bivio con le indicazioni su un masso (verso sinistra). Da questo punto il sentiero prosegue salendo leggermente in costa e solo gli ultimi 30 minuti per arrivare al colle saranno di salita più ripida e impegnativa. Al Colle Liconi (2670m) val la pena di sostare un momento per ammirare, alle vostre spalle, la vista sulla catena del Monte Bianco e, di fronte a voi, cento metri più in basso, lo splendido Lago Liconi.
Dal colle potete arrivare alle sue rive in 10-15 minuti.
Dal lago è possibile discendere il torrente omonimo fino al villaggio di Liconi e da qui proseguire per Planaval in comune di La Salle o addirittura l'abitato di Morgex.


Durata: 3h30

Bivacco Luigi Pascal (2.916m)

Seguite lo stesso itinerario per il Lago Liconi fino al colle.
Dal Colle Liconi svoltate a sinistra, salendo i primi metri su prato, in seguito su pietraia in direzione della Testa Liconi. Il bivacco si trova pochi metri prima della Testa in posizione panoramica. Il bivacco non è custodito.


Durata: 45 minuti (dal Lago Liconi)

Col Sapin (2.435m)

Dall'Ermitage, raggiungete La Suche. A La Suche, alle spalle del rifugio, inoltrarsi nel bosco sul sentiero segnavia 43a. Dopo 45-60 minuti di saliscendi trovate il sentiero che scende verso la Val Sapin, ma voi invece proseguite diritti e superate poco dopo anche il sentiero che sale al Colle Liconi. Dopo pochi minuti vedrete le baite del Curru (1960m), dove nel secondo dopoguerra veniva sfruttata una miniera di carbone. Tra l'altro, poco prima del villaggio, si vedono ancora un paio di piloni della teleferica che portava il materiale a valle. Poche centinaia di metri dopo le case inizia la soleggiata salita che porta al Col Sapin.

Durata: 3h15

Mont Cormet (2.476m)

Il primo tratto è il medesimo che si percorre per salire al Col Liconi. Quindi, dall'Ermitage raggiungete La Suche e da lì salite verso la casa isolata a monte del villaggio e poi proseguite per 10 minuti fino a trovare l'incrocio per Tirecorne. Qui svoltate a sinistra con direzione Mont Cormet/Lago Licony. Dopo 20 minuti di una decisa salita nel bosco arrivate ai prati preferiti dai nostri camosci. Salite fino al masso con il segnavia e girate a destra. Ora il percorso si fa difficile da individuare, proseguite per 200 metri contati in piano e li dovete cercare il sentiero poco battuto che con diversi tornanti sale su un pendio erboso. L'ultimo tratto passa attraverso i paravalanghe per raggiungere il Mont Cormet sulla destra. La vista spazia verso il massiccio del Rutor e quello del Gran Paradiso. D'altronde l'ultima parte del percorso è su pietraia, in certi punti scoscesa, quindi si consiglia questo itinerario agli escursionisti con un minimo di esperienza.


Durata: 3h15

Rifugio Giorgio Bertone (2.000m)

Il rifugio è raggiungibile con due itinerari diversi.

Il primo inizia dal parcheggio a fianco del ponte nella frazione Villair di Courmayeur. Si tratta di un largo sentiero tra i boschi.
Durata: 1h00

Il secondo itinerario parte da Planpencieux, in Val Ferret, e sale in modo più dolce. Questo tragitto è più panoramico in quanto ci si trova di fronte alla catena del Monte Bianco.
Durata: 1h30

Rifugio Elena (2.050m)

Raggiungere la località Arnouva (1770 metri), in Val Ferret, dove finisce la strada per le auto. Da là, si può raggiungere a piedi il rifugio seguendo la strada poderale oppure (opzione consigliata) il comodo sentiero. Durante la passeggiata si possono ammirare i ghiacciai del Triolet e di Pré de Bard.


Durata: 1h00

Col Ferret (2.543m)

Proseguendo oltre il Rifugio Elena, si può raggiungere il Col Ferret (confine tra Italia e Svizzera) con un comodo sentiero panoramico.

Durata dal Rifugio Elena: 2h00

Rifugio Bonatti (2.020m)

Appena dopo la località Lavachey, in Val Ferret, all'altezza di un ponte in legno lungo la strada (l'unico in zona) parte il facile sentiero. In un primo tempo si cammina in un fitto bosco di abeti e poi si raggiunge il pascolo aperto in vista del rifugio. Dal rifugio, si gode di un notevole panorama sul massiccio del Monte Bianco.

Durata: 1h00.


Proseguendo oltre il rifugio, si raggiunge in poco tempo il bellissimo vallone sospeso del Malatra (altri 30min).

Lago del Miage (2.016m)

In Val Veny, si percorre a piedi la strada poderale che da La Visaille raggiunge il lago Combal. Da qui si imbocca il sentiero che breve tempo porta al lago del Miage, nato da uno sbarramento morenico.


Durata: 1h30

Rifugio Elisabetta Soldini (2.200m)

Come per l'itinerario per il lago del Miage, si raggiunge il lago Combal. Si attraversa il ponte a sinistra e si percorre la sterrata che porta fino al rifugi.

Durata: 2h00

Andando oltre il rifugio, si raggiunge il Col de la Seigne, confine con la Francia (altri 30min).

Courmayeur

Hôtel Croux

Via Croux, 8 - 11013 Courmayeur - Aosta
Phone +39 0165 846 735
Email info@hotelcroux.it
Piva 00569850076

Valid XHTML 1.0 Strict  •  Valid CSS!  •  VisaMultimedia - Grafica | Internet | Multimedia | Video | Fotografia  •  Cloud Hosting Provider - HEXTRA